Catia Giorni
Ricerca:

Programma 2021-2026 per Sansepolcro
Catia Giorni Sindaco

 

Abbiamo una città ed un territorio da riprogettare. Da anni Sansepolcro vive una lunga fase di profonda crisi economica, occupazionale e sociale. La pandemia ha colpito un tessuto già profondamente provato e indebolito. Le sfide che ci attendono richiedono attenzione, competenza e grande spirito innovativo. Abbiamo una grande opportunità, anche grazie ai fondi del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), che potranno aiutarci a progettare e a finanziare tutti quei progetti atti a cambiare e migliorare il volto della nostra città.

Affrontiamo tempi nuovi, servono metodi nuovi.

Gestire un sistema complesso e interconnesso, in cui ogni azione amministrativa inevitabilmente investe più settori e più competenze, richiede una mentalità aperta e una capacità di avere una visione sistemica della propria comunità.

Un’Amministrazione comunale, come ogni organizzazione, deve avere una sua visione. Essa si fonda su un sistema di valori e principi che determinano l’azione amministrativa e su cui si devono costruire atti e progetti attraverso cui si attua il programma. Serve quindi un cambio di visione.

Abbiamo avviato un percorso comune di confronto per costruire un ambizioso progetto di rigenerazione della nostra città e della vallata. Per noi non è concepibile una azione politica finalizzata semplicemente ad aggregare forze politiche con il solo scopo di presentare cartelli elettorali o favorire l’ambizione personale di qualcuno: lasciamo ad altri questo vecchio e fallimentare modo di intendere la politica. Questo percorso di confronto ci ha portato alla stesura di un programma che, partendo da alcuni principi per noi basilari, è stato arricchito e ampliato grazie ai contributi che vari soggetti (privati cittadini e associazioni) ci hanno fornito quando ci siamo confrontati con loro.

Vogliamo dunque lanciare alla città un forte appello e un messaggio di autentico cambiamento, consapevoli di affrontare tempi che saranno inevitabilmente difficili, ma anche irripetibili: abbiamo l’opportunità di ricostruire e rigenerare l’intero tessuto economico, sociale, ambientale e culturale della nostra città e della vallata. Si tratta di una sfida che richiede grande partecipazione, amore per il territorio e competenze. Il nostro appello è dunque aperto a tutti quei soggetti, singoli o associati, che vogliano impegnarsi con noi per affrontare e vincere questa sfida, riconoscendosi nella nostra visione di futuro.

Come vorremmo la Sansepolcro dei prossimi anni?

CONNESSA: occorre intensificare i collegamenti con gli enti superiori, con gli altri comuni della vallata e della provincia; promuovere la gestione comune delle questioni infrastrutturali, sociali, economiche, ambientali e culturali; totale revisione dell’Unione dei Comuni con la prospettiva del Comune Unico di vallata; creazione di un Ufficio Sviluppo espressamente dedicato al reperimento e alla gestione dei Fondi europei, nazionali e regionali.

SOSTENIBILE: creazione del Distretto per l’Economia Civile, adozione di politiche fondate sull’economia circolare (Centri di Riprogettazione), promozione di forme attive di sussidiarietà circolare (Welfare di comunità) e promozione delle cooperative di comunità. Forte spinta all’adozione di forme di produzione di energia rinnovabile con creazione di comunità energetiche e soluzioni per l’autoconsumo collettivo. Forte impegno per ottenere la ripubblicizzazione dei servizi idrici al termine della concessione a Nuove Acque (2027) contrastando eventuali ulteriori proroghe.

VERDE: valorizzare i polmoni naturali della città, promuovendo nuove piantumazioni e creando di nuovi spazi verdi ad uso ricreativo/sportivo, garantendone l’adeguata manutenzione e cura. Promozione di forme di turismo lento e naturalistico, valorizzando la sentieristica e garantendo una migliore rete per la mobilità ciclopedonale. Rilanciare il progetto del Parco Fluviale sul Tevere. Piano Urbano della Mobilità Sostenibile. Maggiore tutela per gli animali.

SANA: dopo aver ottenuto il ripristino del Distretto socio-sanitario autonomo della Valtiberina, occorre ora rilanciare l’Ospedale di Zona; ottimizzazione della Casa della Salute; promozione per le buone pratiche a sostegno della salute, a partire dall’educazione alimentare.

EFFICIENTE: riorganizzazione della macchina comunale valorizzando le figure esistenti e avvalendosi della mobilità tra enti al fine di garantire celerità di risposta alle istanze dei cittadini, anche semplificando le procedure autorizzative.

SICURA: priorità assoluta alla difesa sismica del territorio, con investimenti nella messa a norma degli edifici pubblici (a partire dalle scuole) e sostegno alle iniziative nazionali e locali di supporto tecnico-economico per interventi su abitazioni private.

CREATIVA: promozione dell’imprenditoria giovanile e artigianale tramite strutture come FabLab e valorizzazione del Centro Storico rilanciando il progetto “Botteghe Artigianali”.

SERENA: lotta al vandalismo attraverso un puntuale controllo del territorio, anche avvalendosi dei sistemi di videosorveglianza esistenti, comunque da migliorare sensibilmente.

INCLUSIVA: mappatura e azioni concrete di superamento delle barriere architettoniche; rilanciare e aggiornare il progetto “Città delle bambine e dei bambini”; tutelare e sostenere la terza età anche attraverso la creazione del servizio “Informanziani”; potenziare e qualificare l’accoglienza dei nuovi cittadini.

ACCOGLIENTE: attuazione del Piano per il decoro urbano, riorganizzazione delle attività di manutenzione comunali. Adozione di strumenti come i Concorsi di Idee per elaborare soluzioni innovative per la riqualificazione della città, a partire da Piazza Torre di Berta. Potenziamento delle azioni di riqualificazione artistica della città avviate in collaborazione con l’Associazione Cultura della Pace; studio e attenta pianificazione di un ricco programma di manifestazioni culturali e ricreative che renda sempre viva e interessante la nostra città.

SPORTIVA: valorizzazione della città grazie all’assegnazione del ruolo di Comune Europeo dello Sport 2021; dotare i parchi urbani di attrezzature per lo sport all’aria aperta; adozione concreta della Carta Etica dello Sport; promozione e riqualificazione di ciclovie e percorsi trekking.

A questo link, potrete leggere per intero il programma che presentiamo alla città, che resta ovviamente aperto ai contributi di tutti coloro che vorranno esprimerci le loro idee.

Sansepolcro ha bisogno di questo: competenza, entusiasmo, umiltà, dedizione.

 

Comitato per Catia Giorni sindaco